LITTLE POP COMPANIES




Riusciranno i super eroi a salvare il tessuto industriale lecchese? Quartier generale Api



Questa mostra raccoglie venti opere di piccole dimensioni (40×40), che rimandano ad una sorta di MOSAICO della storia industriale di Lecco. “ E’ una grandezza – sottolinea Jacopo Ghislanzoni – che racchiude il singolo come parte di un insieme piccolo ma comunque solido nella forma, un quadrato che unendosi agli altri compone un mosaico, la trama del tessuto industriale lecchese legata ad Api”. Siamo di fronte ad una mostra “di pancia”, come tiene ancora a precisare l’artista, che segue le emozioni trasmessegli dalla struttura di Api di Lecco e dalle officine, con le varie lavorazioni, degli associati. “Questi miei lavori riflettono sulla crisi ma anche sulla constata realtà di tanti imprenditori la cui buona volontà è superiore ad ogni difficoltà; dalla loro parte c’è la forza di chi vuole continuare a produrre ed a lavorare.





Cosa c’è, dunque, di meglio per rendere questa idea di forza se non delle icone? Ecco allora i miei Supereroi quasi a fumetto, sono loro a far risaltare i grandi pregi dei piccoli industriali, la forza come quella dell’incredibile Hulk; la volontà dell’Uomo ragno, abile e determinato; la tecnica e l’indistruttibilità di War machine, con tanto colore per combattere il grigio di tempi cupi e incerti. Io ci vedo questo, ma lascio a tutti la possibilità di dare infinite chiavi di lettura. Queste venti opere sono in realtà spunti, riflessioni che aprono la strada a infiniti approfondimenti”.
La base delle opere sono sempre una o più fotografie scattate all’interno delle officine degli associati Api. Viste le difficoltà odierne e la fatidica domanda su come aiutare gli industriali, ecco arrivare i supereroi, in una mescolanza molto pop di realtà ed irriverente utopia.



2013
LITTLE POP COMPANIES
Associazione Piccole e Medie Industrie
Lecco – Italia

Jacopo Ghislanzoni
Tecnica mista su tela

Collezione permanente